reading

Amarcord

Personale riflessione: Il gioco della vita

Seduto sugli scogli, lo sguardo è rivolto allo specchio d’acqua che, stagliato davanti ai miei occhi riflette la dolce e malinconica luce della luna.
Ho voglia di piangere, ma al tempo stesso di ridere.. è un paradosso, ma non posso non riflettere sulla vita, non in questo momento.
Chiudo gli occhi.. ora posso ascoltare le poesie d’amore , sussurrate egoisticamente al mare, da tanti innamorati, da sognatori e da persone infelici, che ripongono in esso gioie e dolori.

A volte mi piace fermarmi ad assaporare il dettaglio.. passiamo una vita frenetica alla ricerca di costruirci un futuro, di divertirci e provare nuove emozioni, adrenalina, consenso sociale, discoteca.. facciamo anche molti sacrifici, studiamo, lavoriamo… eppure molto spesso ci dimentichiamo di quanto sia straordinariamente fantastica la vita, di quanto sia superiore anche semplicemente guardandoci attorno, la magia è sempre insieme a noi!

Molto spesso, siamo di fretta, facciamo cose di routine e abbiamo un sacco di problemi che ofuscano la nostra mente e crediamo che non ci sia una via d’uscita, abbiamo problemi con il partner, oppure semplicemente con il pagamento di una rata, dobbiamo scegliere l’auto nuova, il viaggio da fare… ma fermati un secondo.
Quante volte sei passata di fretta su questo lungomare per andare a trovare il ragazzo che frequentavi al mare, che ti faceva battere il cuore?
E tu, quante volte ti sei messo a giocare a palla sul bagnasciuga, e guardavi sempre quella ragazza all’ombrellone carina, e speravi che ti guardasse mentre ti tuffavi dalla boa?

Lo senti il vento fresco che accarezza i tuoi capelli? inspira a pieni polmoni l’aria… senti la salsedine? io ho i brividi sulla pelle.. metti i tuoi piedi nudi sotto la sabbia bagnata del bagnasciuga, lo senti com’e’ fresca?
Ci pensi mai a quante altre persone l’hanno fatto? o magari a due teneri innamorati che, 50 anni prima, quando erano ragazzini si baciavano, sigillando in quella spiaggia il loro amore..? magari l’hai fatto anche te…
Ci pensi mai a quante cose potresti fare, e che non hai mai fatto? o di quante cose ti sono passate davanti e per anni e anni non hai mai notato, non hai mai apprezzato.. piu’ passa il tempo, e piu’ ti accorgi di quanto siano importanti i dettagli.

A volte ripenso ai sapori, ogni cosa che facciamo nella vita, ci lascia un segno, un odore…un ricordo indelebile.. e solamente con il passare del tempo ce ne accorgiamo.
Il vero gusto della vita, la sua vera importanza la capisco sempre dopo.

Guardando il mare mi accorgo che non è poi tanto differente da noi… ognuno di noi è una piccola onda in balia delle correnti…c’e’ chi è nell’oceano con la calma piatta… chi con le correnti marine deve affrontare una vita altalenante, tra gioia e dolore, e chi invece è costretto a scontrarsi con gli scogli, che immobili da centinaia di anni ci ricordano che la vita va vissuta fino all’ultimo, perchè arriverà un giorno in cui tutto quello che diamo per scontato, tutto quello che viviamo, tutto quello che amiamo.. cambierà drasticamente.

In lontananza sento una flebile melodia, è la campana di un piccolo pescatore, un altro compagno sotto la volta stellata, non sono solo, ma ora sto sorridendo.

(Pietro Corbetta)

Categorie

Archivi